SIGNORI ARTE

di Alessandro Signori
Corso Baldovino Bigliati 26
17012 ALBISSOLA MARINA (SV)

 

info@signoriarte.com

signori.arte@gmail.com


Tel. 349 4496893

Tel. 019 489731

ORARIO APERTURA:

Lunedì16:00 - 19:30
Martedì - Sabato10:00 - 12:30
16:00 - 19:30
Per altri giorni e orari contattatemi, posso essere occasionalmente fuori sede.

Aurelio Caminati (1924- 2012)

Aurelio Caminati, tecnica mista su tela cm 80x80 1973 bocca

Aurelio Caminati (1924- 2012)

 

Dopo il suo periodo di formazione e di apprendistato artistico giunge alla notorietà con l’importante mostra del 1950 allestita alla Galleria Bergamini  di Milano. Nel 1956 è invitato alla Biennale veneziana, dove espone opere ispirate al “realismo sociale” e nelle quali compaiono umili figure di lavoratori e scene di vita quotidiana. La seconda fase della sua continua e inesausta ricerca artistica è quella dei cosiddetti “falsi ideologici”, cioè citazioni esplicite da quadri celebri, ma anche invenzioni figurative originali come le evanescenti presenze di strani fantasmini  affioranti dalla tela o dalla carta. Il 1963 è l’anno della Pop Art, interpretata da Caminati  come presa di coscienza della deriva consumistica ed omologante che già in quegli anni del cosiddetto “miracolo economico” si profilava all’orizzonte. Dalla Pop Art all’iperrealismo il passo è stato breve, dato anche l’interesse per le possibilità tecniche offerte dalla fotografia, intesa come mezzo di “trascrizione” e trasposizione di immagini tratte dai media in un contesto del tutto diverso con effetti di straniamento (ricordo un grande ritratto della regina Elisabetta a grandezza naturale con tanto di manto e di corona!), e la sua ammirazione dichiarata per la tecnica del trompe l’oeil e dei grandi dipinti celebrativi dei fasti napoleonici di Jacques- Louis David e di Antoine- Jean Gros, al Louvre. Negli anni Ottanta Caminati riprende a dipingere con le tecniche tradizionali, reinterpretando l’iconografia neoclassica – come ha osservato il critico Germano Beringheli – in chiave postmoderna. Nel 1990 dipinge i grandi affreschi nel foyer del teatro Carlo Felice di Genova. Dell’estate del  1998 è la mostra al Ducale “Aurelio Caminati. Opere dal 1947 al 1998” curata da Franco Sborgi. In quell’occasione si installarono dei video che documentavano le performances “concettuali” e le “trascrizioni animate” degli anni Settanta e Ottanta. Di lui ha detto, ancora  Beringheli che “conduce l’osservatore verso scoperte imprevedibili e che è, perciò, un po’ come Masson, continuamente mutevole, trapassa Pop Art, iperrealismo e il gusto del rischio suscitato dalle citazioni immaginarie di quelle ‘trascrizioni’ le cui dilatazioni rappresentative hanno avuto la fisicità del gesto, gli abbandoni e gli entusiasmi di un’iconografia che ha premuto oltre i confini del quadro”.

di Fulvio Sguerso www.truciolisavonesi.it

Stampa Stampa | Mappa del sito
© SIGNORI ARTE di Alessandro Signori Corso B. Bigliati 26 -17012- Albissola Marina (SV) NON E' CONSENTITA LA DIVULGAZIONE DELLE FOTO DELLE OPERE PUBBLICATE SUL SITO WEB.

Chiama

E-mail

Come arrivare