SIGNORI ARTE

di Alessandro Signori
Corso Baldovino Bigliati 26
17012 ALBISSOLA MARINA (SV)

 

info@signoriarte.com

signori.arte@gmail.com


Tel. 349 4496893

Tel. 019 489731

ORARIO APERTURA:

Lunedì16:00 - 19:30
Martedì - Sabato10:00 - 12:30
16:00 - 19:30
Per altri giorni e orari contattatemi, posso essere occasionalmente fuori sede.

Gian Mario Pollero (1911- 1985)

Gian Mario Pollero matita su carta cm.20x16

Gian Mario Pollero (1911- 1985)

 

Pittore italiano,esponente del Futurismo, nonché uno dei maggiori esponenti dell'arte futurista in Liguria.
All'inizio degli anni '30, Gian Mario Pollero aderì all'avanguardia artistica del secondo futurismo insieme ad altri, quali Fillia in Piemonte e Farfa in Liguria, che abbracciarono, a partire dagli anni '20, il movimento futurista fondato da Filippo Tommaso Marinetti all'inizio del Novecento. Nasce a Savona nel 1911 da Andrea Pollero e da Giuditta Cavassa. Fin da bambino, alterna il suo tempo tra la casa di Savona e quella in frazione San Bernardo immersa nei colori della valle del fiume Letimbro. Inizia precocemente a disegnare e quindi a studiare la composizione del colore. Seguendo le orme del padre, che è esperto nella fusione dei metalli, si dedica anche a produrre piccole sculture ed oggetti ornamentali con metalli diversi. Nel corso degli anni venti alterna il suo impegno tra la passione per l'arte e gli studi tecnici, che termina nel 1927. Nell'adolescenza resta affascinato dal Manifesto dei pittori futuristi e dal Manifesto tecnico del movimento futurista enunciati nel 1910 dai pittori che aderiscono al movimento fondato da Filippo Tommaso Marinetti. Dal 1933 al 1937 si iscrive ai corsi della scuola d'arte Bartolomeo Guidobono, che segue trasporto. Uno dei suoi maestri è Eso Peluzzi con il quale stringe una profonda amicizia. I due artisti sono uniti sul versante delle ricerche cromatiche, ma perseguono visioni interpretative diverse. Nel corso degli anni '30 e '40, insieme ad altri artisti savonesi tra cui il poeta pittore Vittorio Osvaldo Tommasini detto Farfa, dà vita ad animati cenacoli artistici imperniati sulle tecniche e sulla interpretazione emotiva del futurista. Le loro argomentazioni si alternano tra il serio ed il faceto attraverso un ricco scambio di idee e di fantasie talvolta spinte sino al grottesco. Nel 1948 Gian Mario Pollero dedica a Farfa un ritratto per suggellare la loro amicizia e la loro sintonia in ambito ertistico. Farfa è solito trascrivere di getto le proprie fantasie artistiche su un'infinità di striscioline di carta che finiscono in numerosi sacchi della sua cantina (buona parte delle quali, alla sua morte verranno irrimediabilmente perdute). Pollero, che sta abbandonando la tradizione figurativa, trasla le idee che sgorgano copiose dal cenacolo futurista su altrettante tele, che vengono di volta in volta modificate, rifatte, bruciate oppure completate se ritenute conformi alla sua nuova interiorità comunicativa ed estetica. Gian Mario Pollero è convinto che l'artista moderno debba affrancarsi dai modelli e dalle tradizioni figurative del passato per rivolgersi al mondo contemporaneo in continua evoluzione con le sue macchine, i suoi grovigli meccanici, il suo caos, la sua tensione etica.
Sull'egida di una continua sete di ricerca e di sperimentazione, inizia ad esporre nell'ambito di mostre e manifestazioni del Comune e della provincia di Savona sino a quando giunge la chiamata militare. Viene arruolato nei sommergibilisti, dai quali ottiene il congedo nel 1932. Anche durante il servizio militare continua a seguire le accese dispute che si svolgono a livello di avanguardie artistiche e di autori. Nel '47 fonda con Achille Cabiati, Mario Bonilauri e Gigi Caldanzano il gruppo sperimentale del "Cavallino Rosso" il cui scopo è quello di attuare nuove esperienze attraverso attività di lavoro e ricerche teoriche svolte in comune, discusse e confrontate sotto l'egida del critico d'arte Franco Tiglio detto Dante, al quale Pollero dedica anche un ritratto. Gli artisti tengono due mostre di gruppo, nell’agosto del 1947 e nel gennaio 1948, quindi il sodalizio si scioglie per esigenze di libertà individuali e per scelte ed orientamenti diversi. L’amicizia fra i membri rimane, anzi tra Pollero e Caldanzano si consolida anche se i due sono opposti per carattere e per orientamenti artistici. Negli anni '50 - '60 partecipa, ad Albissola Marina, al fenomeno culturale che fa della cittadina ligure una delle capitali mondiali dell'arte. Di eccezionale interesse la sua prima produzione geometrica-astratta, in cui si nota una ricerca di purezza e di equilibrio mirante a far assumere alle figure geometriche ordine e chiarezza e ad esaltare i contrasti quasi "optical", tra zone bianche e zone nere che suscitano illusione ottica di movimento..
Dopo questa prima fase in cui l'artista persegue un severo linearismo geometrico (dal 1940 al 1955), inizia una fase nuova intrisa di echi fauves-espressionistici colmi di colore e di emozione. Una produzione in cui si intravvede quasi sempre l'elemento della trascendenza dello spirito umano che anela verso l'assoluto, il perfetto, passando attraverso l'esperienza del dolore e dell'incertezza del presente resa ancora più drammatica dalle scelte etiche che comporta. Nelle sue opere assistiamo ad un uomo sospeso tra grovigli meccanici e natura, tra etica e realtà in un eterno presente scandito dal tempo rappresentato dal pendolo. Lontano da ogni compromesso commerciale, Pollero, che fu anche scultore, ceramista, incisore di metallo e di vetro, creatore di gioielli, resta il prototipo dell'artista schivo e isolato, votato ai propri ideali, legato ad un'altissima concezione di moralità e di libertà interiore dell'artista.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© SIGNORI ARTE di Alessandro Signori Corso B. Bigliati 26 -17012- Albissola Marina (SV) NON E' CONSENTITA LA DIVULGAZIONE DELLE FOTO DELLE OPERE PUBBLICATE SUL SITO WEB.

Chiama

E-mail

Come arrivare