SIGNORI ARTE

di Alessandro Signori
Corso Baldovino Bigliati 26
17012 ALBISSOLA MARINA (SV)

 

info@signoriarte.com

signori.arte@gmail.com


Tel. 349 4496893

Tel. 019 489731

ORARIO APERTURA:

Lunedì16:00 - 19:30
Martedì - Sabato10:00 - 12:30
16:00 - 19:30
Per altri giorni e orari contattatemi, posso essere occasionalmente fuori sede.

Sergio Sarri (1938)

Sergio Sarri acrilico su tela cm 24x18 1981

Sergio Sarri (1938)

 

L'inizio della sua attività risale ai primi anni Sessanta, dopo un lungo viaggio durato 2 anni che lo ha portato a visitare l'Europa in autostop e a seguire dei corsi di pittura a Berna e a Parigi. La sua ricerca tematica centrale (il rapporto uomo-macchina) viene definitivamente messa a fuoco dopo un viaggio negli Stati Uniti nel 1965, muovendosi in un orizzonte di “imagerie” macchinistica e meccanicistica che trova i suoi precedenti in Léger, nei precionnists nord americani fino a Richard Lindner (Crispolti, 1968). All'inizio della sua attività ricordiamo le partecipazioni nel 1967 a “Prospettive 3” a Roma, e nel 1968 a “Alternative attuali 3” a L'Aquila, entrambe manifestazioni che coinvolgevano le nuove generazioni di artisti. Nel 1968 espone al Musée Municipal Saint Paul de Vence, dove presenta il polittico “Le avventure di Nessuno”. In quell'anno si dedica anche al cinema di ricerca sperimentale con i film dal titolo “Up-up and away”, “Le storie di Varazze”, “Le avventure di Nessuno” e “Vostock”, dove rinuncia in alcuni casi, provocatoriamente, al sonoro, ritenendola una sovrastruttura inutile, e dove non ci sono né storie né avventure. Il 23 maggio 1969 si inaugura la prima mostra alla Galleria Vinciana di Milano, primo appuntamento di una collaborazione che durerà per alcuni decenni.
Il 1972 è un anno artisticamente importante per Sarri: espone in collettiva con Adami, Matta, Vasarely, Alinari e Ghelli alla Galleria Sangallo di Firenze e con una personale alla Galleria Forni di Bologna. Particolarmente significativa, sempre nel '72, è la sua partecipazione con l'opera “Piano di lavoro” alla mostra La metamorfosi dell’oggetto a Palazzo Reale a Milano, manifestazione che annovera la presenza di importanti artisti italiani (Balla, Carrà, Savinio, De Chirico, Baj, Ceroli, Del Pezzo, Pozzati, Scanavino, Rotella e altri) e stranieri (Arp, Man Ray, Oppenheim, Magritte, Dalì, Arman, Dubuffet, Spoerri, Tapies, Warhol e altri) in rappresentanza dei differenti movimenti artistici, dalla Pop Art al Nouveau Réalisme, dal Neo Dada alla Figurazione, dal Cubismo al Surrealismo. È invitato alla XXXVI Biennale di Venezia nella sezione Grafica e nel padiglione Venezia dove espone l'opera “Progetto per Venezia”. Nel 1974 riceve una borsa di studio e soggiorno dal Museo d‟Arte Moderna di Amsterdam, dove esporrà alla Galerie-T; nello stesso anno partecipa alla mostra Come eravamo alla Galleria Centro di Torino che riunisce 20 pittori che hanno operato nell'atmosfera artistica di Torino degli anni Sessanta tra cui Boetti, Merz, Gilardi, Nespolo, Mondino, Pistoletto, Griffa. Nel 1975-76 lavora alla Cité des Arts di Parigi: espone in una collettiva nel 1975 e in una personale nel 1976 alla Galerie Etienne de Causans. Nello stesso anno viene organizzata una personale al Palazzo dei Diamanti di Ferrara. Il periodo compreso tra il 1977 e il 1980 si caratterizza per unaserie di mostre personali e collettive organizzate in Francia (Grenoble, Parigi, Sceauz, Macon e Tours) tra cui l'importante Mythologies Quotidiennes al Musée d'Art Moderne de la Ville de Paris e Image-Intervention presso l'Institut Culturel Italien, con Cremonini, Maselli, Recalcati, Spadari e altri. In Italia Sarri espone alla Galleria San Michele a Brescia, alla Galleria Gastaldelli a Milano, alla Galleria Nuovo Spazio a Venezia, alla Galleria Margherita a Roma e a Arte in Italia 1960/1977 organizzata alla Galleria Civica (GAM) di Torino. Nel 1980 ritorna a Parigi dove espone nella collettiva Cronique des années de crise, al Musée d'Art Moderne de la Ville. Nel 1981 è presente alla mostra 30 anni d’arte italiana presso Villa Manzoni a Lecco. Nello stesso anno partecipa ad Art 12 a Basilea, a cui aveva partecipato già nelle edizioni del 1972, 1973 e 1974. Nel 1986 è alla XI Quadriennale di Roma con l'opera “Stanza meccanica con metamorfosi”. Con lo pseudonimo di SeSar, negli anni '90 affianca alla pittura (da sempre per altro contaminata dal cinema e dai comics) una produzione specificamente fumettistica che viene pubblicata su diverse riviste internazionali. Dal 1994 al 1997 è stato docente di Anatomia artistica all'Accademia di Brera di Milano. Espone a New York alla Montserrat Gallery la prima volta nel 1996 e poi nel 1998. Nel '97 si tiene un'antologica alla Barchessa Villa Serena di Ponzano Veneto (TV), nel 1998 una personale alla Galleria Vinciana a Milano e nel 1999 una mostra antologica alla Civica Galleria d'Arte Moderna a Gallarate (VA). Il 2003 sarà un anno importante con la mostra organizzata dalla Universitat de Valencia dal titolo Sergio Sarri. Maquinaria surreal, con l'antologica presso l'Area Esposizioni, Castelfranco Veneto e la collettiva al Museo MAGI '900 a Pieve di Cento (FE), dal titolo Scenari dell’imagerie. Con il titolo Live la Galleria Vinciana nel 2004 organizza una personale pubblicando contemporaneamente il libro dal titolo omonimo. Nel 2005 inizia la collaborazione con la Galleria Overtime Art e nello stesso anno partecipa ad una collettiva dal titolo Dal fisso al mobile alla Universitat de Valencia, Fondacion J. Guerricabeita, Valencia.
Il Museo d'Arte dello Splendore, Giulianova (TE) organizza nel 2006 una personale dal titolo Sergio Sarri. L’uomo e la macchina. Nel 2007 e 2008 prosegue l'intensa attività espositiva con personali a Rovigo, Udine, Milano, Verona, Bologna, e con una collettiva dal titolo Somewhere the sun is shining a Palazzo Duranti Marzoli a Palazzolo s. O. (BS) con le opere della serie “Effetto cinema”. A ottobre partecipa alla collettiva Omaggio a De Chirico allestita alla galleria Cà d'Oro a Roma, in occasione del 60° anno di attività della Galleria. Il 2008 si chiude con un personale alla Galleria Villa Morotti a Daverio (Varese) dove espone per la prima volta l'opera “Trionfi” ispirata all‟affresco medievale “Il trionfo della morte” nel Palazzo Abatellis a Palermo. Nel giugno 2010 espone all'Università Bocconi di Milano in una personale dal titolo Sarri/SeSar. Tra pittura e comics, mostra che verrà presentata, arricchita, anche alla Galleria Art&Comix di Torino in Ottobre. A settembre aveva, precedentemente allestito una personale a Roma, alla Galleria Cà D'oro presentando il catalogo ragionato delle sue opere.
Nell'estate del 2010 partecipa alla apertura della nuova Galleria Puntodue a Calice Ligure, dove esporrà anche nella mostra Futurismo e '68, arte in movimento. Nel 2011 esporrà alla “Casa di Dante di Pescara“ una serie di opere ispirate all'Inferno di Dante e, dopo la mostra personale i simulacri all'Oratorio dei Disciplinanti di Finalborgo, a Flaneur, hommage a Charles Baudelaire presso il Fort du Bruissin-Centre d'art contemporain, in occasione della biennale di Lione.
www.sergiosarri.com

Stampa Stampa | Mappa del sito
© SIGNORI ARTE di Alessandro Signori Corso B. Bigliati 26 -17012- Albissola Marina (SV) NON E' CONSENTITA LA DIVULGAZIONE DELLE FOTO DELLE OPERE PUBBLICATE SUL SITO WEB.

Chiama

E-mail

Come arrivare